Seguici sulle nostre

 pagine social!!!

Seguici sulle nostre

 pagine social!!!

Seguici sulle nostre pagine social ! ! !

giornalismo

TM

TM

glnuovissimo1

GIORNALISMO LIBERO

TM

mewe
gab
gab
mewe

GIORNALISMO LIBERO

IL BLOG

SITEMAP

INFO & CONTATTI

 

info@giornalismolibero.it

collaboraconnoi@giornalismolibero.it

 

redazione@giornalismolibero.it

gab

per il tuo pensiero libero

mewe
exit

per il tuo pensiero libero

exit
exit

TM

Nasce oggi Giornalismo Libero     , che si pone come obiettivo principale, fornire a chi lo desideri la possibilità di pubblicare i propri scritti

Gli articoli del Blog

VOLTARE PAGINA

2020-07-17 13:56

Luca Bandini

Finanza,

VOLTARE PAGINA

In questi giorni, assistiamo alla graduale ma inesorabile parabola discendente del tentativo di Virginia Raggi e del movimento che rappresenta su Roma

In questi giorni, assistiamo alla graduale ma inesorabile parabola discendente del tentativo di Virginia Raggi e del movimento che rappresenta su Roma, di amministrare e condurre fuori dal pantano del degrado e della corruzione dilagante, la nostra capitale.
Molti cittadini hanno dato fiducia a tutto ciò che la Raggi incarna, speranzosi finalmente di assistere al tanto annunciato cambiamento dovuto, in buona sostanza, all'equazione Normali cittadini = Buoni amministratori.
Errore più madornale non poteva essere fatto!
D'altra parte, la buona fede di chi ha votato Raggi e Movimento 5 Stelle, è del tutto giustificata dal fatto che la cittadinanza intera è assolutamente esausta e al limite della sopportazione dopo anni e anni di cattiva amministrazione, corruzione diffusa, malafede, vane promesse da parte dei più disparati personaggi o partiti politici, che si sono affidati ciecamente a questo "Nuovo" avanzante.
Un po' come l'assetato dopo un lungo peregrinare nel deserto, accetterebbe di bere qualsiasi cosa gli si desse pur di dissetarsi.
Ma il problema sostanziale per poter amministrare una città come Roma in particolare e il paese più in generale, non sono le buone intenzioni delle quali sono estremamente convinto sia permeata la Raggi e la gran parte di coloro che la sostengono, ma il fatto che ciò non sia sufficiente per combattere il potere costituito.
E tale potere non è quello politico alla luce del sole, ma un potere molto più nascosto e che sfugge ai più, costituito dalle lobbie economiche e dai potentati costituiti da più o meno noti faccendieri che operano nell'ombra da sempre.
La soluzione per poter sconfiggere tale avvilupatissima pania di interessi sotterranei, non risiede purtroppo in un a persona normale come la Raggi, per quanto come detto possa essere armata delle migliori intenzioni e buona fede ma, un po' come declamava il Macchiavelli nel suo "Il Principe", risiede nella conduzione della Cosa Pubblica da parte di colui che risponda a determinati requisiti di base, prescindendo dai quali, il compito non è assolvibile, ne ora ne mai.
Innanzi a tutto, la persona in questione dovrebbe poter disporre di una libertà di manovra assai più ampia di quella che attualmente è in facoltà dei nostri amministratori pubblici - non si scambi questo per una sottoscrizione al potere assoluto di una dittatura, ma semplicemente un eliminare determinate pastoie che impediscono al buon amministratore di procedere al risanamento del paese - e in secondo luogo, deve assolutissimamente possedere determinate qualità che, purtroppo, non si possono acquisire all'improvviso ma si devono avere nel proprio Dna fin dalla nascita.
E per essere più chiaro, cito l'incorruttibilità, il disinteresse totale per il denaro in quanto tale e per ultimo ma non meno importante, il desiderio principe di fare bene il proprio lavoro.
Ovviamente, ma è dato per scontato, il nostro "Eroe" deve pur avere una chiara visione di quanto si accinge a fare.
Mi rendo conto che possa risuonare utopica una illustrazione come sopra, ma l'alternativa è solo ed esclusivamente il degrado generale del nostro paese fino al punto di collasso - sfaldamento del rapporto cittadini e istituzioni e conseguente ribellione dei primi sui secondi - dal quale non si potrà assolutamente tornare indietro.
O ci rendiamo conto al più presto di ciò, o il nostro declino potrà essere lento ma sarà ugualmente inesorabile.

Luca Bandini

finanzaart-1lucabandini-1626945545.png

Per il tuo spazio pubblicitario sul nostro sito, contattaci all'indirizzo email:


 

Contenitore dove chiunque potrà pubblicare i propri articoli di cultura, storia, politica, società ed altro al fine di combattere lo strapotere della stampa mainstream.
 

www.giornalismolibero.it    All Right Reserved 2016-2021

 

by Luca Bandini

 

Sede Legale: Località Il Casalone - Lano 37 - 53034 Colle di Val d’Elsa (SI)


P. Iva: 01540210521

Cookie Policy | Privacy Policy

 


Sito web realizzato da homo vivo giuseppe rago: +39 366 539 9177 - PEC: giusepperago@casellapec.com - Email: beppe212@tutanota.com

info@giornalismolibero.it

clicca qui per un preventivo aggiornato

Supporta, con poco, un progetto nascente, indipendente e ambizioso ma, soprattutto, a disposizione del popolo!

donazioni

Supporta, con poco, un progetto nascente, indipendente e ambizioso ma,

soprattutto, a disposizione del popolo!

Donazioni 2
Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder