Seguici sulle nostre

 pagine social!!!

Seguici sulle nostre

 pagine social!!!

Seguici sulle nostre pagine social ! ! !

giornalismo

TM

TM

glnuovissimo1

GIORNALISMO LIBERO

TM

mewe
gab
gab
mewe

GIORNALISMO LIBERO

IL BLOG

SITEMAP

INFO & CONTATTI

 

info@giornalismolibero.it

collaboraconnoi@giornalismolibero.it

 

redazione@giornalismolibero.it

gab

per il tuo pensiero libero

mewe
exit

per il tuo pensiero libero

exit
exit

TM

Nasce oggi Giornalismo Libero     , che si pone come obiettivo principale, fornire a chi lo desideri la possibilità di pubblicare i propri scritti

Gli articoli del Blog

LA NOTIZIA DI POCO FA

2021-11-08 13:57

Luca Bandini

Aperitivo quotidiano, bassetti, ivermectina, fake news, Criminali vari, virostar, e la magistratura?,

LA NOTIZIA DI POCO FA

Nonostante il fuoco di sbarramento della censura di Stato e di Big Pharma, piano piano stanno venendo a galla sempre piu' "verita'" circa questa maled

Nonostante il fuoco di sbarramento della censura di Stato e di Big Pharma, piano piano stanno venendo a galla sempre piu' "verità" circa questa maledetta rogna che ci e' capitata fra capo e collo in questi ultimi due anni.

Durante questo periodo, complice anche la variegata disinformazione, sia del main stream che di una marea di sedicenti "complottisti", si e' potuto osservare in rete il proliferare di notizie riguardo il Covid 19 attestanti tutto e il contrario di tutto.

Riuscire a distinguere le notizie vere da quelle false, devo riconoscere che e' stata un'impresa assai ardua e, molto spesso, mi sono trovato di fronte al dubbio anche dinanzi a notizie provenienti da fonte piu' che certa.

Personalmente ho seguito molto da vicino lo sviluppo di possibili terapie farmacologiche che potessero mettere in sicurezza tutta la popolazione, senza dover passare forzatamente dall'inoculazione nel proprio organismo di sostanze non ben identificate e intorno alle quali veniva detto di tutto.

Ho seguito, cosi', le notizie che riguardavano il plasma iperimmune, l'idrossiclorochina, l'ivermectina e altri farmaci o terapie similari con molta attenzione, ascoltando sia coloro che sostenevano ora le une, ora le altre e ascoltando anche i famosi "virologi vip": da Bassetti a Galli, da Burioni a Crisanti, gli ultimi dei quali si sono spesso lanciati, nelle varie trasmissioni televisive che li ospitavano, ferocemente contro tutto cio' che andava contro la narrazione del vaccino come unica soluzione per uscire dall'emergenza sanitaria.

In questi giorni e' venuto fuori uno studio americano che coinvolge un numero di ricercatori (scienziati e medici) quasi impressionante, avallato dalla FDA americana - ricordo che e' il cugino dell'Ema Europea - nel quale si riportano i risultati ottenuti dopo i test eseguiti nei trial di controllo, con la somministrazione di invermectina, un normalissimo e conosciutissimo vermifugo utilizzato da oltre 40 anni per combattere, appunto, le infezioni batteriche e da parassiti intestinali.

Tale studio attesta e certifica che l'utilizzo di questo composto, sia per guarire dalla Sars Cov2 sia in fase di prevenzione, ha dei risultati considerati veramente eccezionali.

Addirittura, si legge nella relazione di questo gruppo di medici e scienziati, in fase di prevenzione puo' ridurre l'insorgenza del virus e, quindi, della malattia. con una percentuale oscillante dal 65 al 95%.

Non sia mai!!!

Ho sentito personalmente una trasmissione, durante la quale l'impareggiabile e sommo prof. Matteo Bassetti, in arte Guido Tersilli di buona Fantozziana memoria, diceva peste e corna verso questo preparato e, sopratutto, verso coloro che continuavano a sostenere l'efficacia di un medicinale per uso veterinario.

Addirittura si e' lasciato andare, con fare molto altezzoso e superiore, a del sarcasmo veramente feroce e fuori luogo, pur di abbattere i propri avversari e tutti quanti avevano l'ardire di dissentire, in qualche modo, dal suo eccelso parere.

Ora, se abitassimo in un paese limitatamente normale, su simili dichiarazioni, e dopo i succitati studi pubblicati, la magistratura dovrebbe intervenire immediatamente per avviare la rimozione, nonche' l'incriminazione per diffusione di notizie false verso il succitato Matteo Bassetti, e non solo verso di lui, in quanto, come in ogni gerarchia che si rispetti, anche i capi, ovvero i ministri, devono ritenersi responsabili dell'operato dei propri subalterni.

Di conseguenza, l'intero apparato dirigenziale che coordina la filiera sanitaria, in Italia, per questa emergenza, a partire dall'ormai arcinoto CTS, passando per l'ISS e finendo al Ministero della Salute, dovrebbero essere chiamati in corresponsabilita' per l'indecente gestione di tutta questa faccenda.

Ma siamo in Italia e questo non succedera' mai.

Preferiscono lasciar morire le persone piuttosto che ammettere le proprie responsabilita'.



 

 

https://covid19criticalcare.com/it/ivermectina-in-covid-19/?fbclid=IwAR3rPnXf2xb0U1_VwPXgjvztyjfhIz84Z1S9GvjWHJL_659mEjpAYCKrsX0​

 

 

 

90552-1636380457.jpg

TRADUZIONE TESTO DEL LINK IN CODA

UN RINGRAZIAMENTO AL DOTT. ELIA PREZIOSO PER LA PUNTUALE TRADUZIONE.

 

Caratteristica
Indagine BMJ
  Covid-19: il ricercatore denuncia i problemi di integrità dei dati nella sperimentazione del vaccino di Pfizer
   BMJ 2021;  375 doi: https://doi.org/10.1136/bmj.n2635 (pubblicato il 02 novembre 2021)
    Cita questo come: BMJ 2021;375:n2635

Le rivelazioni di cattive pratiche in una società di ricerca a contratto che aiuta a condurre la sperimentazione del vaccino contro il covid-19 di Pfizer sollevano interrogativi sull'integrità dei dati e sulla supervisione normativa.  Rapporti di Paul D Thacker

Nell'autunno 2020 il presidente e amministratore delegato di Pfizer, Albert Bourla, ha pubblicato una lettera aperta ai miliardi di persone in tutto il mondo che stavano investendo le loro speranze in un vaccino contro il covid-19 sicuro ed efficace per porre fine alla pandemia.  "Come ho detto prima, stiamo operando alla velocità della scienza", ha scritto Bourla, spiegando al pubblico quando potevano aspettarsi l'autorizzazione di un vaccino Pfizer negli Stati Uniti.1

Ma, per i ricercatori che stavano testando il vaccino di Pfizer in diversi siti in Texas durante quell'autunno, la velocità potrebbe essere andata a scapito dell'integrità dei dati e della sicurezza del paziente.  Un direttore regionale che era impiegato presso l'organizzazione di ricerca Ventavia Research Group ha detto al BMJ che l'azienda ha falsificato i dati, ha scoperto i pazienti, ha impiegato vaccinatori non adeguatamente formati ed è stata lenta nel seguire gli eventi avversi riportati nello studio cardine di fase III di Pfizer.  Il personale che ha condotto i controlli di qualità è stato sopraffatto dal volume di problemi riscontrati.  Dopo aver ripetutamente informato Ventavia di questi problemi, il direttore regionale, Brook Jackson, ha inviato un reclamo tramite e-mail alla Food and Drug Administration (FDA) statunitense.  Ventavia l'ha licenziata lo stesso giorno.  Jackson ha fornito al BMJ dozzine di documenti aziendali interni, foto, registrazioni audio ed e-mail.

Cattiva gestione del laboratorio
Sul suo sito web Ventavia si definisce la più grande società di ricerca clinica di proprietà privata in Texas ed elenca molti premi che ha vinto per il suo lavoro a contratto.2 Ma Jackson ha detto a The BMJ che, durante le due settimane in cui è stata impiegata presso Ventavia nel settembre 2020, ha  ha ripetutamente informato i suoi superiori della cattiva gestione del laboratorio, dei problemi di sicurezza dei pazienti e dei problemi di integrità dei dati.  Jackson era un revisore esperto in studi clinici che in precedenza ricopriva una posizione di direttore delle operazioni ed è arrivato in Ventavia con oltre 15 anni di esperienza nel coordinamento e nella gestione della ricerca clinica.  Esasperato dal fatto che Ventavia non avesse a che fare con i problemi, Jackson ha documentato diverse cose a tarda notte, scattando foto sul suo cellulare.  Una foto, fornita al BMJ, mostrava gli aghi gettati in un sacchetto di plastica a rischio biologico invece che in una scatola di contenitori per oggetti taglienti.  Un altro ha mostrato materiali di confezionamento del vaccino con i numeri di identificazione dei partecipanti alla sperimentazione scritti su di essi lasciati all'aperto, potenzialmente i partecipanti non accecati.  I dirigenti di Ventavia hanno poi interrogato Jackson per aver scattato le foto.

Lo smascheramento precoce e involontario potrebbe essersi verificato su scala molto più ampia.  Secondo il progetto dello studio, il personale non in cieco era responsabile della preparazione e della somministrazione del farmaco in studio (vaccino di Pfizer o placebo).  Questo doveva essere fatto per preservare l'accecamento dei partecipanti allo studio e di tutto il personale del sito, incluso lo sperimentatore principale.  Tuttavia, a Ventavia, Jackson ha detto al BMJ che le stampe di conferma dell'assegnazione dei farmaci venivano lasciate nelle cartelle dei partecipanti, accessibili al personale non vedente.  Come azione correttiva intrapresa a settembre, a due mesi dall'inizio del reclutamento dello studio e con circa 1000 partecipanti già arruolati, le liste di controllo della garanzia della qualità sono state aggiornate con le istruzioni per il personale per rimuovere le assegnazioni di farmaci dai grafici.

In una registrazione di un incontro alla fine di settembre 2020 tra Jackson e due direttori si può ascoltare un dirigente di Ventavia spiegare che la società non è stata in grado di quantificare i tipi e il numero di errori riscontrati durante l'esame dei documenti di prova per il controllo di qualità.  "Nella mia mente, è qualcosa di nuovo ogni giorno", afferma un dirigente di Ventavia.  "Sappiamo che è significativo."

Ventavia non stava al passo con le richieste di immissione dei dati, mostra un'e-mail inviata da ICON, l'organizzazione di ricerca a contratto con cui Pfizer ha collaborato alla sperimentazione.  ICON ha ricordato a Ventavia in un'e-mail di settembre 2020: "L'aspettativa per questo studio è che tutte le domande vengano affrontate entro 24 ore".  ICON ha quindi evidenziato in giallo oltre 100 query in sospeso più vecchie di tre giorni.  Gli esempi includevano due individui per i quali "Il soggetto ha riportato sintomi/reazioni gravi... Secondo il protocollo, i soggetti che manifestano reazioni locali di Grado 3 devono essere contattati.  Si prega di confermare se è stato effettuato un CONTATTO NON PIANIFICATO e aggiornare il modulo corrispondente come appropriato.  Secondo il protocollo della sperimentazione sarebbe dovuto avvenire un contatto telefonico "per accertare ulteriori dettagli e determinare se una visita in loco è clinicamente indicata".

Preoccupazioni per l'ispezione della FDA

I documenti mostrano che i problemi erano in corso da settimane.  In un elenco di "punti d'azione" circolato tra i leader di Ventavia all'inizio di agosto 2020, poco dopo l'inizio del processo e prima dell'assunzione di Jackson, un dirigente di Ventavia ha identificato tre membri dello staff del sito con cui "esaminare il problema del diario elettronico/falsificare i dati, ecc.  ."  Uno di loro è stato "consigliato verbalmente di modificare i dati e di non notare l'inserimento tardivo", indica una nota.

In diversi punti durante la riunione di fine settembre Jackson ei dirigenti della Ventavia hanno discusso la possibilità che la FDA si presentasse per un'ispezione (riquadro 1).  "Avremo almeno una sorta di lettera informativa, quando arriverà la FDA.  .  .  lo sappia", ha dichiarato un dirigente.

La mattina dopo, il 25 settembre 2020, Jackson ha chiamato la FDA per avvertire delle pratiche scorrette nella sperimentazione clinica di Pfizer a Ventavia.  Ha quindi segnalato le sue preoccupazioni in una e-mail all'agenzia.  Nel pomeriggio Ventavia ha licenziato Jackson, ritenuto "non adatto", secondo la sua lettera di separazione.

Jackson ha detto al BMJ che era la prima volta che veniva licenziata nei suoi 20 anni di carriera nella ricerca.

Preoccupazioni sollevate
Nella sua e-mail del 25 settembre alla FDA, Jackson ha scritto che Ventavia aveva arruolato più di 1000 partecipanti in tre siti.  Lo studio completo (registrato con NCT04368728) ha arruolato circa 44.000 partecipanti in 153 siti che includevano numerose aziende commerciali e centri accademici.  Ha poi elencato una dozzina di preoccupazioni di cui aveva assistito, tra cui:

•Partecipanti collocati in un corridoio dopo l'iniezione e non monitorati dal personale clinico
•Mancanza di follow-up tempestivo dei pazienti che hanno manifestato eventi avversi
•Le deviazioni del protocollo non vengono segnalate
•I vaccini non vengono conservati a temperature adeguate
•Campioni di laboratorio etichettati erroneamente e
•Targeting del personale Ventavia per la segnalazione di questi tipi di problemi.

Nel giro di poche ore Jackson ha ricevuto un'e-mail dalla FDA ringraziandola per le sue preoccupazioni e informandola che la FDA non poteva commentare alcuna indagine che potesse risultare.  Pochi giorni dopo Jackson ha ricevuto una chiamata da un ispettore della FDA per discutere il suo rapporto, ma gli è stato detto che non potevano essere fornite ulteriori informazioni.  Non ha sentito più nulla in relazione al suo rapporto.

Nel documento informativo di Pfizer presentato a una riunione del comitato consultivo della FDA tenutasi il 10 dicembre 2020 per discutere la domanda di Pfizer per l'autorizzazione all'uso di emergenza del suo vaccino contro il covid-19, la società non ha menzionato problemi nel sito di Ventavia.  Il giorno successivo la FDA ha rilasciato l'autorizzazione al vaccino.

Nell'agosto di quest'anno, dopo la piena approvazione del vaccino di Pfizer, la FDA ha pubblicato una sintesi delle sue ispezioni sullo studio cardine dell'azienda.  Nove dei 153 siti dello studio sono stati ispezionati.  I siti di Ventavia non sono stati elencati tra i nove e negli otto mesi successivi all'autorizzazione di emergenza del dicembre 2020 non sono state effettuate ispezioni nei siti in cui sono stati reclutati gli adulti.  L'ufficiale ispettivo della FDA ha osservato: "La parte di integrità e verifica dei dati delle ispezioni BIMO [monitoraggio della ricerca biologica] era limitata perché lo studio era in corso e i dati richiesti per la verifica e il confronto non erano ancora disponibili per l'IND [nuovo farmaco sperimentale].  "

Conti di altri dipendenti

Negli ultimi mesi Jackson si è riallacciato con diversi ex dipendenti della Ventavia che se ne sono andati o sono stati licenziati dall'azienda.  Uno di loro era uno dei funzionari che avevano preso parte alla riunione di fine settembre.  In un messaggio di testo inviato a giugno, l'ex funzionario si è scusato dicendo che "tutto ciò di cui ti sei lamentato era a posto".

Due ex dipendenti di Ventavia hanno parlato con The BMJ in modo anonimo per paura di rappresaglie e perdita di prospettive di lavoro nella comunità di ricerca affiatata.  Entrambi hanno confermato ampi aspetti della denuncia di Jackson.  Uno ha affermato di aver lavorato su oltre quattro dozzine di studi clinici nella sua carriera, inclusi molti studi di grandi dimensioni, ma non aveva mai sperimentato un ambiente di lavoro così "disordinato" come con Ventavia sul processo di Pfizer.

"Non ho mai dovuto fare quello che mi chiedevano di fare, mai", ha detto al BMJ.  "Sembrava qualcosa di leggermente diverso dal normale, le cose che erano consentite e previste".

Ha aggiunto che durante la sua permanenza in Ventavia l'azienda si aspettava un audit federale, ma questo non è mai arrivato.

Dopo che Jackson ha lasciato l'azienda, i problemi alla Ventavia sono continuati, ha detto questo dipendente.  In diversi casi Ventavia non aveva abbastanza dipendenti per fare il tampone a tutti i partecipanti allo studio che avevano riportato sintomi simili al covid, per testare l'infezione.  Il laboratorio ha confermato che il covid-19 sintomatico era l'endpoint primario dello studio, ha osservato il dipendente.  (Un memorandum di revisione della FDA pubblicato nell'agosto di quest'anno afferma che durante l'intera sperimentazione non sono stati prelevati tamponi da 477 persone con casi sospetti di covid-19 sintomatico.)

"Non credo che siano stati dati puliti", ha detto il dipendente dei dati generati da Ventavia per il processo Pfizer.  "È un pasticcio pazzesco."

Un secondo dipendente ha anche descritto un ambiente alla Ventavia diverso da tutti quelli che aveva sperimentato nei suoi 20 anni di ricerca.  Ha detto al BMJ che, poco dopo che Ventavia ha licenziato Jackson, Pfizer è stata informata di problemi alla Ventavia con la sperimentazione del vaccino e che ha avuto luogo un audit.

Da quando Jackson ha segnalato problemi con Ventavia alla FDA nel settembre 2020, Pfizer ha assunto Ventavia come subappaltatore di ricerca su altri quattro studi clinici sui vaccini (vaccino covid-19 in bambini e giovani adulti, donne in gravidanza e una dose di richiamo, nonché un RSV  sperimentazione del vaccino; NCT04816643, NCT04754594, NCT04955626, NCT05035212).  Il comitato consultivo dei Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie discuterà la sperimentazione del vaccino pediatrico covid-19 il 2 novembre.

 

 

Per il tuo spazio pubblicitario sul nostro sito, contattaci all'indirizzo email:


 

Contenitore dove chiunque potrà pubblicare i propri articoli di cultura, storia, politica, società ed altro al fine di combattere lo strapotere della stampa mainstream.
 

www.giornalismolibero.it    All Right Reserved 2016-2021

 

by Luca Bandini

 

Sede Legale: Località Il Casalone - Lano 37 - 53034 Colle di Val d’Elsa (SI)


P. Iva: 01540210521

Cookie Policy | Privacy Policy

 


Sito web realizzato da homo vivo giuseppe rago: +39 366 539 9177 - PEC: giusepperago@casellapec.com - Email: beppe212@tutanota.com

info@giornalismolibero.it

clicca qui per un preventivo aggiornato

Supporta, con poco, un progetto nascente, indipendente e ambizioso ma, soprattutto, a disposizione del popolo!

donazioni

Supporta, con poco, un progetto nascente, indipendente e ambizioso ma,

soprattutto, a disposizione del popolo!

Donazioni 2
Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder