Seguici sulle nostre

 pagine social!!!

Seguici sulle nostre

 pagine social!!!

Seguici sulle nostre pagine social ! ! !

giornalismo
Glnuovissimo1

GIORNALISMO LIBERO

GAB
MeWe
MeWe
GAB

GIORNALISMO LIBERO

IL BLOG

SITEMAP

INFO & CONTATTI

 

info@giornalismolibero.it

collaboraconnoi@giornalismolibero.it

 

redazione@giornalismolibero.it

GAB
MeWe

per il tuo pensiero libero

exit

per il tuo pensiero libero

exit
exit

Nasce oggi Giornalismo Libero, che si pone come obiettivo principale, fornire a chi lo desideri la possibilità di pubblicare i propri scritti

Gli articoli del Blog

VADEMECUM PER UN COLPO DI STATO... ALL'ITALIANA

2021-09-25 09:36

Luca Bandini

Editoriale,

VADEMECUM PER UN COLPO DI STATO... ALL'ITALIANA

Come ci hanno sempre insegnato a scuola, i colpi di stato normalmente si effettuano con il supporto diretto o indiretto dell'esercito, in quanto serve

Come ci hanno sempre insegnato a scuola, i colpi di stato normalmente si effettuano con il supporto diretto o indiretto dell'esercito, in quanto serve una macchina ben oliata e pronta ad eseguire gli ordini impartiti dai "golpisti" di turno.

Alla base della buona riuscita di un colpo di stato, ci sono alcuni obiettivi essenziali da raggiungere il prima possibile, di modo da garantire la riuscita dell'eversione in atto.

Chi vuole garantirsi che il golpe abbia una buona probabilitia' di riuscita, si deve assicurare principlamente di raggiungere un paio di obiettivi fondamentali, primo fra tutti il controllo pressocche' totale degli organi di stampa ed ecco perche', di norma, i militari che guidano i colpi di stato si assicurano tempestivamente la presa delle televisioni e radio di stato, nonche' della impossibilita', per chiunque di accedere all'informazione e, sopratutto, alla sua diffusione.

In secondo luogo, e' strettamente necessario avere il supporto attivo o passivo delle forze dell'ordine e del potere legislativo ovvero del parlamento.

Questo nella anormalita' della regola per un colpo di stato.

Ma andiamo ad esaminare cosa sta succedendo un po' in tutto il mondo ma, in modo ancora piu' eclatante, in Italia.

Sulla base di un accadimento puramente casuale come la diffusione di un virus "non altamente letale" ma molto contagioso (se poi sia naturale o voluto da poteri occulti, questo per il momento non ci interessa) e' stata colta al balzo l'occasione e messa in atto immediatamente l'azione "golpista" per eccellenza.

I "conduttori" di questo strano golpe, sulla scia di quanto diceva Herman Goering durante il processo di Norimberga, ovvero che basta instillare la paura o il terrore di qualsiasi cosa nella popolazione per riuscire a fargli fare qualsiasi cosa, assicurandosi da subito la copertura di tutto il "main stream" con laute elargizioni - stanziati oltre 70 milioni di euro per la stampa - con il quale potevano assolutamente manipolare a loro piacimento le notizie da riportare e, per secondo atto, hanno messo un fantoccio a capo del governo - Conte - sul quale far ricadere tutti gli errori che, di norma, si compiono all'inizio in un'azione del genere.

Per finire l'opera, una volta assicuratisi il totale controllo della situazione, hanno sostituito il fantoccio con un loro uomo forte - Draghi - con il quale poter utlimare l'opera d'arte messa in scena, hanno silenziato praticamente quasi tutte le opposizioni coinvolgendole nel nuovo disegno di un governo forte per la ricostruzione e ora si preparano a plasmarsi su misura il prossimo futuro della nuova nazione neo nata.

Da non scordarsi, in tutto questo, il controllo pressocche' totale di tutti gli organi di stato che avrebbero potuto nuocere alla loro azione come, ad esempio, la magistratura, gli enti certificatori quali Aifa e Istituto Superiore di Sanita' (vi ricordate il CTS?) e, per concludere, l'intero apparato delle forze dell'ordine, mettendoci a capo un ministro assolutamente incompetente e quindi manipolabile - Lamorgese - che si limitasse ad eseguire i loro ordini.

Voi penserete che per portare a termine un cosi' colossale programma ci vorrebbero un numero di partecipanti o di "golpisti" cosi' elevato da essere ingestibili, ma non e' assolutamente vero.

Per portare a compimento un tale progetto, bastano una decina di persone che siano assolutamente concordi sul da farsi e il gioco e' fatto: non e' per nulla necessario che i gregari o sottoposti conoscano il disegno generale, anzi, e' meglio che lo conoscano pochissime persone nel dettaglio.

Se lo si guarda con occhi distaccati e senza coinvolgimento personale e senza considerare la moralita' di quanto si osserva, queste persone, chiunque esse siano, hanno messo in atto il perfetto Colpo di Stato silenzioso.

In definitiva, e' bastato diffondere le false frasi fatte "andra' tutto bene", "restiamo chiusi oggi per riabbracciarci domani", "tutti insieme contro il nemico comune" e aggiungere alcuni simboli per mantenere vivo il terrore, come la museruola necessaria per salvarsi tutti quanti o l'eliminazione di qualsiasi contatto interpersonale e la partita e' stata vinta senza colpo ferire.

Senza pero' considerare una cosa abbastanza fondamentale, ovverossia che anche loro fanno parte di un gioco condotto da altre "menti" e che, alla fine, non sono altro che delle pedine nelle mani di chi sta conducendo un gioco molto piu' grande di loro.

L'amara conclusione di tutto questo e' constatare che ci avevano provato per oltre 20 anni a fare un cosa simile e ora, con l'aiuto di pochi soggetti totalmente amorali e privi di qualsiasi scrupolo, ci sono riusciti pienamente, con l'avallo di un'intera nazione.

Non ho idea di come potra' andare a finire, ma sono estremamente sicuro che, se l'umanita' continuera' ad esistere, fra 2 o 3 secoli si studiera' sui libri di scuola la perfezione di questa azione condotta con freddo cinismo sulla pelle di un intero popolo silente.

Come disse un grande uomo, "ai posteri, l'ardua sentenza".

f8020952b35a26bdf416e888c8079063whmw600mh900cscxcy-1632562324.jpg

Per il tuo spazio pubblicitario sul nostro sito, contattaci all'indirizzo email:


 

Contenitore dove chiunque potrà pubblicare i propri articoli di cultura, storia, politica, società ed altro al fine di combattere lo strapotere della stampa mainstream.
 

www.giornalismolibero.it  © All Right Reserved 2016-2021

 

Cookie Policy | Privacy Policy

 


Sito web realizzato da homo vivo giuseppe rago: +39 366 539 9177 - PEC: giusepperago@casellapec.com - Email: beppe212@tutanota.com

info@giornalismolibero.it

clicca qui per un preventivo aggiornato

Supporta, con poco, un progetto nascente, indipendente e ambizioso ma, soprattutto, a disposizione del popolo!

donazioni
Donazioni 2

Supporta, con poco, un progetto nascente, indipendente e ambizioso ma,

soprattutto, a disposizione del popolo!

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder