Seguici sulle nostre

 pagine social!!!

Seguici sulle nostre

 pagine social!!!

Seguici sulle nostre pagine social ! ! !

giornalismo

TM

TM

glnuovissimo1

GIORNALISMO LIBERO

TM

mewe
gab
gab
mewe

GIORNALISMO LIBERO

IL BLOG

SITEMAP

INFO & CONTATTI

 

info@giornalismolibero.it

collaboraconnoi@giornalismolibero.it

 

redazione@giornalismolibero.it

gab

per il tuo pensiero libero

mewe
exit

per il tuo pensiero libero

exit
exit

TM

Nasce oggi Giornalismo Libero     , che si pone come obiettivo principale, fornire a chi lo desideri la possibilità di pubblicare i propri scritti

Gli articoli del Blog

LETTERA APERTA A DRAGHI

2021-08-06 07:21

Luca Bandini

Editoriale,

LETTERA APERTA A DRAGHI

Egregio Dott. Draghi,sono stato molto in forse se scriverle queste poche righe, ma alla fine ha prevalso in me la determinazione nel contrastare le in

Egregio Dott. Draghi,

sono stato molto in forse se scriverle queste poche righe ma, alla fine, ha prevalso in me la determinazione nel contrastare le ingiustizie e, sopratutto, le palesi assurdita', dovunque esse si possano nascondere.

Inoltre, sentendomi profondamente cittadino del mondo ed amante di questa immensa opportunita' che ci siamo trovati a gestire e che si chiama vita, mi sento in dovere e obbligo di ricordarle alcuni punti salienti degli ultimi mesi.

Innanzi a tutto Lei non ha alcun titolo di ricoprire la carica di Presidente del Consiglio, se non quello che una politica stolta e cieca, si e' arrogata la prerogativa di concederle.

In questo frangente Voi, che occupate abusivamente dei posti che non vi spettano, vi siete totalmente disinteressati di quanto potesse pensare il Popolo sovrano che, Le ricordo, e' quel soggetto che deve essere il vero ed unico depositario del potere, di gestire la propria esistenza.

Tutti i politici e gestori della Res Pubblica, sono solamente dei rappresentanti scelti dal popolo per amministrare gli interessi del popolo stesso.

Nel momento esatto che tale scopo viene disatteso, chiunque, e ripeto, chiunque sia stato scelto, deve dimettersi da qualsiasi carica e, chiedendo scusa per non essere stato in grado di assolvere al compito datogli, tornandosene da dove era venuto.

Premesso questo, arrivo al punto focale di quanto Le voglio ricordare.

Sappiamo tutti quanti, e voi meglio di noi poveri mortali, quali sono le infinite incongruenze del vostro operato in merito al problema che ci troviamo costretti ad affrontare da un anno e mezzo a questa parte, ma mi permetto di ricordagli i punti piu' salienti.

 

VACCINAZIONE.

Lei sa perfettamente che questo siero che vi ostinate a voler inoculare a chiunque - anche ai minori di 12 anni, e questo e' veramente immorale - e' nato e vive, tutt'ora, in uno stato di sperimentazione, in quanto tutti gli organi sanitari e di controllo competenti, non hanno ancora emesso i risultati dei test di sperimentazione, e questo non accadra' fino al dicembre del 2023.

Nonostante cio', per motivi che e' inutile ricordare qui, avete trovato l'escamotage per bypassare questo punto focale del problema, con la connivenza degli stessi organi di controllo.

Ma, per altro, sapete anche molto bene che, nel mese di ottobre, tutto questo finira', in quanto sono in fase di preparazione dei protocolli sanitari con cure farmacologiche alternative, ed ecco perche' vi affrettate a voler sottoporre quante piu' persone possibili alla vaccinazione, andando contro qualsiasi ragionevolezza, ma perseguendo solo ed esclusivamente i vostri interessi.

Confermato dalla valanga di dati che ci pervengono da ogni parte del territorio, e del mondo tutto, nonostante il main stream, accucciato ai vostri ordini, tenti in ogni modo di nasconderlo, abbiamo consapevolezza che ci sono contagi, malati, terapie intensive e sopratutto morti, anche fra chi si e' gia' inoculato l'intero ciclo vaccinale.

Gli stessi organi di controllo Italiano ed Europeo, Aifa ed Ema, riportano quelle che sono le reazioni avverse riscontrate per questo siero, che vi continuate ostinatamente a voler chiamare vaccino e, solo a vederle, mi sento onestamente male per quanto danno state provocando.

Si parla - cercando di camuffare arbitrariamente i dati utilizzando le percentuali, invece che i numeri interi, cosi' da dare meno nell'occhio - di oltre 10.000 reazioni avverse "gravi" alla vaccinazione, con la bellezza di 498 decessi avvenuti solo sul suolo Italiano.

A livello Europeo, siamo gia' oltre quota 15.000 morti senza, per altro, contare e cosiderare cosa si racchiuda nella dicitura "casi gravi" qualora non sopraggiunga la morte.

E ancora, per ovvia mancanza temporale, non si conoscono gli effetti a medio e a lungo termine, ma qui soprassiedo, altrimenti dovrei scrivere per 3 giorni consecutivi.

Ma il vostro "fedele cagnolino" non fa altro che ripeterci attraverso i suoi emissari prezzolati (sia pseudo scienziati che giornalisti da operetta) che i deceduti sono meno di quelli che avvengono per altri vaccini gia' sperimentati e conosciuti da anni.

Ma come vi permettete di mettere in piedi questa macabra sceneggiata?

E Lei, dott. Draghi, come puo' continuare a guardarsi allo specchio, guardare negli occhi sua moglie e i suoi cari, con questo macigno che si e' volontariamente caricato sulle sue spalle e dal quale si e' fatto invadere l'anima?

 

GREENPASS

Su questo aspetto, potrei scrivere un intero libro, ma mi limitero' ad evidenziare solo i punti salienti, iniziando con il dire che, con tale aberrante sistema, per prima cosa state violando i regolamenti parlamentari, che vietano assolutamente il reiterare un qualsiasi provvedimento che sia gia' stato bocciato dalle camere.

Ed e' proprio questo il caso in cui, non convertendo in legge il precedente decreto su tale strumento, avete pensato bene di farlo rientrare dalla finestra, riproponendolo in un ulteriore decreto giocando sul fatto di prendere tempo.

Sapete perfettamente che il parlamento non lo convertira' in legge entro il 5 di ottobre, e che quindi decadra', ma tanto cosa ve ne importa: voi avrete ottenuto altri due mesi di tempo per fare quello che vi conviene e quello che, forse, vi viene dettato da altri.

Entrando nel merito della funzionalita' di tale strumento, lo fondate su 3 punti principali, ovverossia sul vaccino, sui tamponi o test molecolari e sulla malattia gia' sviluppata.

Ora, sapendo perfettamente dalle stesse linee guida delle case farmaceutiche produttrici di tali sieri che lo stesso non immunizza dal contagio, anche un bambino delle elementari vi potrebbe dire che il concedere il Green Pass ai vaccinati e' una contraddizione in termini.

Inoltre lo stesso dicasi per i test molecolari e Pcr, in quanto essi danno una fotografia istantanea della situazione sanitaria del soggetto sottoposto a test, senza, peraltro, assicurare che dopo poche ore egli non possa sviluppare il contagio, e questo perche' e' notorio che il virus ha un'incubazione di 72 ore.

Inoltre Lei sa perfettamente che tale vostra iniziativa, oltre che alla Carta Costituzionale, va contro le stesse normative Europee in fatto di Green Pass ed esattamente nel regolamento 953/2021, al comma 1 dell'articolo 4, dove si legge testualmente che "si deve evitare la discriminazione diretta o indiretta di persone non vaccinate" senza, peraltro, indicare se tale non vaccinazione dipenda da impossibilita' o volonta'.

Mi corre l'obbligo che gia' 70 anni addietro fu sancito, a livello mondiale, l'impossibilita' di somministrazione, ad esseri umani non volontari, di medicinali sperimentali.

E mi pare che, in questo caso, si sia in piena sperimentazione e la invito a smentirmi, se ne e' in grado.  

Per cui mi spieghi perche' una persona che si e' contagiata stamani, e contestualmente ottiene un tampone negativo, in quanto ha il virus ancora in incubazione, possa tranquillamente andarsene dove vuole a contagiare chiunque, mentre una persona che non ha il vostro "lasciapassare" e' costretto ad avere una vita sociale ridotta?

Per concludere questo aspetto del vostro operato, il vostro unico scopo e' quello di gettare l'intero paese nel piu' caotico stato di terrore, con la perversa complicita' dell'intero main stream e di alcuni soggetti che si definiscono "scienziati" o "medici", ma che altro non sono che dei cialtroni che si sono montati la testa grazie allo spazio notorio che gli avete immeritatamente concesso.

 

Dulcis in fundo, Le vorrei ricordare che alla fine di tutti questi discorsi, voi stessi avete l'esatta dimensione di quello che sara' il risultato finale della vostra tanto sbandierata "campagna vaccinale".

Essa potra' raggiungere come massimo un totale di non oltre i 45 milioni di soggetti(nella piu' rosea, per voi, ipotesi) lasciando, per cosi' dire, scoperti ben 15 milioni di persone, bambini ed adolescenti compresi.

E cosa volete fare esattamente, mi dica caro dott. Draghi?

Volete impedire loro di lavorare, di avere una vita sociale, di condurre una vita abbastanza tranquilla e pacifica, di costringerli a vaccinarsi con le buone o con le cattive di, in definitiva, marchiarli come i nuovi reietti della societa?

E' questo quello che volete?

Ma Lei come si permette, moralmente ed eticamente di sostenere un tale modus agendi?

E tralascio, per il momento, lo sdegno, la vergogna, l'indignazione, la rabbia e il ribrezzo che suscitano in me tutti quei poveri "diversamente intelligenti" che siedono nel nostro parlamento e che sostengono, mentendo, di perseguire solo gli interessi dei cittadini.

Voglio concludere questa mia ricordandole che le scadenze politiche arriveranno anche per lei, e quandanche non le venissero presentati  dei "conti" da pagare a livello politico, e magari venisse pure premiato con l'elezione a Presidente della Repubblica, dovra' sempre, comunque, rendere conto a quella cosa che e' sopra tutti noi ed alle singole volonta':

la STORIA!!

 

imagoeconomica1588037-1-900x600-1628232749.jpg

Per il tuo spazio pubblicitario sul nostro sito, contattaci all'indirizzo email:


 

Contenitore dove chiunque potrà pubblicare i propri articoli di cultura, storia, politica, società ed altro al fine di combattere lo strapotere della stampa mainstream.
 

www.giornalismolibero.it    All Right Reserved 2016-2021

 

by Luca Bandini

 

Sede Legale: Località Il Casalone - Lano 37 - 53034 Colle di Val d’Elsa (SI)


P. Iva: 01540210521

Cookie Policy | Privacy Policy

 


Sito web realizzato da homo vivo giuseppe rago: +39 366 539 9177 - PEC: giusepperago@casellapec.com - Email: beppe212@tutanota.com

info@giornalismolibero.it

clicca qui per un preventivo aggiornato

Supporta, con poco, un progetto nascente, indipendente e ambizioso ma, soprattutto, a disposizione del popolo!

donazioni

Supporta, con poco, un progetto nascente, indipendente e ambizioso ma,

soprattutto, a disposizione del popolo!

Donazioni 2
Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder